Cagliari, 12 febbraio 2022

COWORKING 001. IDEE CONDIVISE SOTTO LA STATUA DI ELEONORA

“Qui non è semplice concentrarsi: l’ospitalità in provincia di Oristano trasforma ogni pasto frugale in un banchetto natalizio”. Le parole sono di Gian Paolo Vallati, regista romano, ideatore tra le altre opere del cortometraggio La Venere di Milis. Il film tra i candidati al David di Donatello 2022, che ha tra i protagonisti l’attore Angelo Orlando, è stato girato in città e in alcune località dell’oristanese lo scorso anno, grazie a un progetto della Cooperativa Onlus Coworking 001 finanziato dalla Regione Sardegna. 

Parole che sono allo stesso tempo una conferma e un riconoscimento a una delle eccellenze locali: l’accoglienza ospitale in modalità familiare. Alla pari della Sartiglia, della Vernaccia e della ceramica. Non ne fa difetto il Coworking 001, tra le altre cose anche workspace per professionisti in movimento, situato nel centro storico di Oristano nelle due location di via Garibaldi e via Vittorio Emanuele (strada del Duomo, dell’Arcivescovado e della discesa dei cavalieri della Sartiglia).  

          Negli ambienti con le volte in mattoni, a botte e a crociera,  professionisti itineranti provenienti da ogni dove condividono la quotidianità professionale in un ambiente assolutamente informale. Periti e ingegneri, attori e giornalisti, operatori turistici e selezionatori di risorse umane sviluppano il loro lavoro in un ambiente accogliente e ospitale gestito da un trio di rara efficienza e professionalità: la professoressa Paola e le ingegnere Lucia e Annalaura. Nulla è lasciato al caso: il comfort ambientale e i servizi tecnologici, la qualità logistica e gli arredi, il coordinamento puntuale delle attività e la profumazione degli ambienti. E soprattutto la cura della socialità, autentico fiore all’occhiello del Coworking. Insomma il giusto mix per facilitare il confronto di esperienze, lo scambio di opinioni, gli intrecci di background professionali e culturali.

Un vero unicum la pausa caffè, spesso integrata dalla degustazione di mostaccioli d’autrice e Vernaccia locale. Per non parlare di crostate e amaretti. E se è vero, come è vero, che la concentrazione viene messa a dura prova dal momento conviviale, di lì a poco l’attività intellettuale riprenderà con maggior vigore.   

          E per coloro che oltre a un ambiente adatto all’elaborazione professionale necessitano di un “nido” per ritemprare il corpo e lo spirito ecco il B&B Eleonora. Un grazioso appartamento con affreschi e archi medioevali, appartenuto a suo tempo ai Conti di Sant’Anna. Incastonato  in un antico palazzo nobiliare prospiciente la famosa statua, baricentrico alle due sedi del “001” e gestito dallo stesso trio deus ex machina del Coworking coadiuvato dall’altrettanto efficiente Andrea.

Un pacchetto completo insomma che, come può confermare l’autore del post per presa diretta, mette i professionisti viandanti in condizione di vivere la quotidianità professionale in perfetta armonia col benessere ambientale.  

A.M.

 

LINK:

www.coworking001.com/

www.eleonorabb.com/

www.daviddidonatello.it/concorso/schedaunicacorto.php?idfilm=12846

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento